Niente di peggio che svegliarsi la mattina dopo aver passato una nottata insonne o quasi. Irritabilità, stanchezza e svogliatezza sono solo alcune delle conseguenze della scarsa qualità del sonno. Ma c’è di più. La carenza del giusto riposo notturno potrebbe a lungo andare comportare disturbi più seri: meglio dunque correre al riparo mettendo in pratica qualche interessante consiglio per dormire bene e svegliarsi riposati.

Innanzitutto, per chi soffre di insonnia, meglio evitare sin dal tardo pomeriggio di bere caffè ed altri alimenti contenenti caffeina e sostanze stimolanti. La sera sarebbe preferibile cenare con verdure e proteine e mantenersi sul leggero per non appesantire l’organismo con una lunga digestione. Prima di andare a dormire, poi, sarebbe bene dedicarsi ad attività rilassanti: leggere un libro o ascoltare musica classica è molto meglio che lavorare prima di addormentarsi, preferibile poi non cedere alla tentazione di utilizzare dispositivi elettronici come tablet, smartphone e pc a letto per evitare una sovrastimolazione del cervello. Per riposare bene inoltre, sarebbe il caso di valutare il proprio numero di ore ideale di riposo, 6 o 8 o quelle di cui l’organismo ha bisogno, così da dormire esattamente la stessa quantità di tempo ogni notte.

Anche il letto ha un ruolo fondamentale per riposare bene: meglio scegliere il materasso che più si adatti al corpo ed un cuscino adeguato alle proprie esigenze; anche la temperatura nella stanza va regolata, e quella ideale dovrebbe aggirarsi sui 20 gradi. Importante infine areare bene la stanza da letto e cercare di isolarsi il meglio che si può da rumori e luci esterne.

Ricordiamoci infine che dormire bene la notte e svegliarsi riposati permette alla mente di concentrarsi maggiormente durante il giorno e di apprendere di più, inoltre un corpo riposato svolge meglio le funzioni metaboliche.