Struccarsi dopo aver fatto rientro in casa o poco prima di andare a riposare è un accorgimento necessario se si vuol preservare la pelle dall’invecchiamento precoce e dagli inestetismi generati dai fattori ambientali.

Ciò che molte donne non considerano, infatti, è che spesso e volentieri la loro pelle viene danneggiata non solo dal trucco, ma anche da tutta un’altra serie di fattori verso cui non si tende a prestare attenzione.

I dermatologi spiegano che sulla pelle, nel corso della giornata, si depositano smog, polveri sottili, cellule morte e sebo, e che tutti questi agenti, combinati tra loro, possono ostruire i pori. A lungo andare, un mix di tali fattori potenzialmente dannosi può presentare un conto anche piuttosto serio da pagare, rendendo il colorito sempre più grigiastro e poco uniforme, opacizzando la cute e creando le condizioni ideali affinché brufoli e imperfezioni abbiano la meglio. Inutile truccarsi, incipriarsi e colorarsi il viso in ogni modo se poi le bruttezze cutanee ce le si causa da sole con trattamenti poco appropriati, non è forse vero?

struccaggio

Ecco perché se è importante prediligere trucchi naturali e poco invasivi, è altrettanto importante avere un occhio di riguardo sulla frequenza e le modalità con cui ci si strucca. Eliminando il trucco, infatti, si rimuove anche la pellicola di sporco che si è depositata sulla pelle nel corso della giornata: è per questa ragione che il demake-up assume un ruolo fondamentale nella cura della pelle e, più in generale, nella beauty routine di ogni donna!

Alla luce di tutto ciò bisogna saper scegliere il prodotto struccante non a random e tanto meno guardando all’economicità del prezzo: gli struccanti viso vanno scelti con raziocinio e selezionati in base alle caratteristiche dell’epidermide da trattare.

Ciò significa che in caso di aridità e di pelle matura bisogna puntare sui latti detergenti, ottimi per donare comfort e per liberare ingredienti calmanti e lenitivi come l’aloe, l’amamelide e il bisabololo. Chi è alle prese con una pelle grassa, invece, farebbe bene a ripiegare su prodotti più specifici, caratterizzati da un’azione astringente come quella fatta propria dall’acido acetilsalicidico o dai gel (i quali sono apprezzati anche dagli uomini proprio per via della loro facilità di risciacquo). Dopo di che ci sono le acque micellari, indicate per qualunque tipo di pelle: questi prodotti sono composti da acqua e micelle, cioè molecole lipofile che sono in grado di catturare i residui di trucco come fossero calamite.

Molte persone sono indecise se optare per gli struccanti viso più classici e se vogliamo economici, o se provare a spendere qualcosina in più e optare per delle soluzioni più ricercate. Il fatto è che il prezzo ha un peso relativo in questo senso: ciò verso cui bisogna prestare attenzione è la composizione del prodotto, in quanto una composizione più naturale e meno chimica sarebbe da preferire trasversalmente, quindi al di là del tipo di pelle da trattare. L’importante è quindi puntare sulla qualità, soprattutto perché con gli struccanti si va ad operare su una delle aree più delicate del corpo, quale è appunto il viso.

Se ti è piaciuto l’articolo, ti potrebbe interessare anche:

Come struccarsi perfettamente in 5 minuti!

Verità sull’acqua micellare!

 

Salviette struccanti: si o no?

Salva