I grandi make up artist insegnano che, a seconda dell’ovale del viso, bisogna applicare il blush (volgarmente anche detto fard) in un certo modo piuttosto che in un altro.

Ebbene, ciò vorrebbe dire che se avete il viso dalla forma allungata, quadrata, triangolare o tondo, avrete una sola possibilità per stendere il vostro blush in modo da non sembrare pagliacci.

 

Se tutto ciò è vero…..sono perduta!

Appartengo alla categoria delle” eterne sperimentatrici”, per questo sarà dannata!

 

A parte gli scherzi, quando ci si avvicina al fantastico moldo dei blush, una sola regola fondamentale bisogna tenere a mente : NON ESAGERARE!

Una volta compresa l’arte della moderazione tutto sarà più semplice!

 

1. LA SCELTA DEL COLORE.

blush: i tre colori basePrima di applicare un blush bisogna intanto COMPRARNE uno!

Prima di buttarvi sui colori pazzi ed improbabili che non userete mai, dovete osservare bene i toni della vostra pelle, i capelli e gli occhi per scegliere il blush della vita, quello che userete sempre, che vi porterete dietro nella pochette, quello adatto ad ogni occasione e che vi risolverà ogni giornata nella quale avrete un aspetto misto tra malato e cadavere.

Solitamente, i colori base sono tre: pesca, rosa e mattone. Il primo per chi ha un sottotono giallo, il secondo per chi ha un sottotono rosa ed il terzo per chi ha una pelle molto scura o olivastra.

Ciò in generale, ma, se non volete sbagliare, entrate in profumeria, pucciate il ditino su quello che vi sembra essere il  blush più adatto e sfumatelo sullo zigomo con delicatezza. Otterrete subito un effetto visivo esplicativo.

PS: tenete sempre a portata di mano una veletta per pulirvi, si impiega un attimo a combinar disastri, ma è una operazione necessaria, per il vostro bene!

 

2. BUON BLUSH, BUON PENNELLO.

blush pennello perfetto

Non si scappa, senza il brush (pennello) adatto, rischiate seriamente di combinare disastri!

Il pennello per il blush è importantissimo perché vi permette di sfumare nel modo giusto il colore, distribuendolo uniformemente e creando un effetto soft, che è il migliore per indossare qualsiasi make up.

Se l’area nella quale applicate il prodotto è piccola, allora ve ne servirà uno proporzionato alla sua grandezza, se lo applicate in modo obliquo sarà più efficace un pennello angolato e così via….blush pennello angolato

Se però non avete tutta questa esperienza e non siete in grado di giudicare quali, tra le infinite forme di pennelli sia il più adatto al vostro viso, sceglietene uno di circonferenza abbastanza piccola, con setole folte, ma non troppo appuntito nella forma altrimenti impiegherete mesi a distribuire il blush. L’aspetto più importante, che non dovete assolutamente trascurare, è la morbidezza delle setole. Non potete transigere su questo!

pennello da blushVi sono tantissimi pennelli in circolazione, alcuni anche abbastanza economici, ma quello da blush è il prodotto sul quale vale la pena spendere un po’ di più perché è sicuramente il più importante!

In qualche negozio potrebbero consigliarvi di acquistare un pennello studiato appositamente per stendere il fard, quelli la cui dicitura di solito è proprio “brush blush”, ma siccome non è detto che vadano bene per tutti e, siccome ognuno sceglie l’utilizzo che gli è più comodo, andate dritti per la vostra strada per non pentirvi dopo, oppure provatelo!

Fino a qui abbiamo parlato di pennello per blush in polvere, ma per stendere quello in crema, a meno che non usiate le dita, vale più o meno lo stesso discorso. L’unica variante è rappresentata dal fatto che per prodotti in crema è sempre meglio usare setole sintetiche perché svolgono meglio il lavoro!

 

3. STATE LONTANO DAI GLITTER!

blush eccessivo

Continuando il nostro percorso per comprendere come applicare correttamente il blush, non ci si può esimere dal trattare l’argomento glitter!

Se potete, evitateli!

Sempre nell’ottica di scegliere il vostro blush per la vita, si dubita fortemente che questo possa essere individuato tra quelli tempestati di glitter e glitterini!

E la ragione è semplice: non sono di quelli adatti ad ogni occasione!

Innanzitutto blush macevidenziano i difettucci della pelle, quindi il loro utilizzo è più consigliato per sera piuttosto che per il giorno e poi, quell’effetto luccicante su tutta la guancia non è proprio BON TON.

E’ ovvio che non bisogna fare di tutt’erba un fascio, perché in commercio ne esistono anche di discreti, che danno una leggera luminescenza e che sono gradevoli nel complesso, ma come regola generale, bisogna sempre tenere a mente che il glitter va usato in occasioni più uniche che rare!

Meglio allora i satinati, oppure, se vi piace la luminosità, applicate semplicemente dopo il fard un po’ di illuminante (sempre secondo queste regole! LEGGETE QUI) .

 

4. STESURA LEGGERA.

blush jlo

Il segreto per ottenere un effetto naturale ed un incarnato perfetto che esalti le vostre guance invece di metterle in evidenza come neon, è quello di stendere il blush poco alla volta, senza creare chiazze di colore.

Ecco perché il blush dal colore perfetto, adatto alle vostre tonalità, vi tornerà utile sempre, proprio per creare un effetto naturale.

Con il vostro pennello dunque, prelevate un po’ di colore. Per un po’ si intende toccata e fuga, in modo da capire subito, una volta steso il prodotto sulla guancia, quanto esso sia scrivente.

Se il colore non è molto intenso siete a cavallo, perché potrete stratificare e, di volta in volta, scegliere l’effetto da ottenere, se più marcato o appena visibile.

Una volta appoggiato il colore sulla guancia dunque, potrete delicatamente iniziare a sfumare con piccoli movimenti circolari.

Ora, per non sbagliare e, se non sapete quale sia l’area migliore dove stendere il blush, seguite semplicemente l’osso del vostro zigomo, quindi dal centro, sfumate man a mano verso l’orecchio.

Ecco fatto.

 

5. COME RIMEDIARE AI DISASTRI.

blush apply

Di disastri ne comettiamo tutti, ne commettono anche i make up artist, dunque state tranquille e non fatevi cogliere dal panico se le prime volte non sarete soddisfatti del risultato, perché potete correggerlo in vari modi.

Se ad esempio avete applicato troppo blush, invece di continuare a sfumare, fermatevi e prendete una veletta ed iniziate a tamponare. Vedrete che l’eccesso si imprimerà nel fazzoletto e voi potrete continuare il make up.

Attenzione: tamponare e non strisciare!

blush lindsaySe l’avete invece applicato su un’area troppo estesa, allora in questo caso, oltre alla veletta, dovrete prendere un altro pennello (pulito) a setole più larghe di quello che avete utilizzato per applicare il blush e passare sopra con un po’ di cipria, in modo a camuffare meglio il piccolo errore.

 

Questi sono i piccoli consigli per vivere meglio il trucco!

 

Curiosità e consigli.

Il blush è forse il prodotto più insidioso da utilizzare sul viso, perché bisogna capire dove applicarlo per esaltarne la forma,  quale sia il colore più giusto, quanto bisogna applicarne, ma al tempo stesso è anche quello più amato da chi entra nel tunnel del make up!

Per tali ragioni seguiranno molti altri articoli per rendervi tutto più facile!

 

Ad ogni modo, ricordate sempre che, quando applicate il blush dovete essere molto delicate, sfumare sempre bene e prestare attenzione all’effetto finale!

Ovviamente, esso è l’ultimo prodotto che va steso sul viso, dunque è importante come la cornice per un quadro!